VIP: Intervistiamo Dariox, del clan Armatasquad!

Sticky POSTED BY Nicola 18 Luglio 2019 in VIP: Very Important Player
Post thumbnail

Questa settimana abbiamo avuto come ospite Dariox, del clan italiano Armatasquad. Vediamo cos’ha da dirci!

Qual è il tuo nickname? Da dove è nato? E quanti anni hai?

Ho 47 anni e gioco da sempre ai videogiochi, il mio Nickname e Dariox. Non ho mai avuto fantasia con i Nickname, e devo dire che ho sempre affrontato il gaming in maniera simulativa e immersiva. Non ho mai pensato ad un personaggio ma al contrario è come se vivessi in prima persona le avventure dei vari titoli, quindi anche il nick è sempre stato il mio vero nome. La lettera X finale me la porto dietro con affetto dagli anni ’80, quando nelle sale giochi eri costretto ad inserire il “record” con sole 3 lettere e quindi usavo DAX; era quello che più mi piaceva.

Come è nato l’amore per il gaming? E qual è stata la tua prima console/PC?

Non ricordo come è nata la passione per il gaming. Probabilmente è iniziata nelle sale giochi, dove ci passavo giornate intere, poi con i vari Commodore: mi ricordo ancora il Commodore 64 a cassette, quando dovevi pregare per far caricare un gioco. A volte con un cacciavite dovevi riallineare le testine per far leggere correttamente il nastro, era tutto cosi magico.

A che età hai preso in considerazione l’idea di fondare e/o gestire un clan?

Ho iniziato a frequentare i clan con i primi giochi di ruolo degli anni ’90, come ad esempio Dark Age of Camelot, ma seriamente tutto è partito con la serie Battlefield e successivamente con tutta la serie Arma. Dal 2012 è iniziato quello che tutt’ora è Armatasquad, dove sono stato Clan Leader fino a pochi mesi fa.

Hai mai pensato di dedicarti al gaming competitivo?

Se oggi fossi un adolescente sicuramente avrei provato la strada del competitivo, anche perché ho sempre dedicato moltissime ore al gaming. Oggi, ma specialmente nel prossimo futuro, secondo me ci sarà un grande sviluppo per gli eSports in italia.

I tuoi genitori, parenti e amici condividono questa tua passione?

Ho due fratelli più grandi, ma ora sono usciti fuori dal tunnel eheh.

A quale titolo ti stai dedicando ultimamente? E quanto tempo giochi?

In questo momento mi dedico a Rainbow Six Siege ed è il titolo che portiamo avanti anche con il nostro clan. È un gioco molto competitivo che dà molto da lavorare se si vuole arrivare ad un buon livello. Dedico molto tempo ai videogiochi, almeno 5 ore al giorno.

Riscontri o hai mai riscontrato problemi nella gestione di un clan? Se si, come li hai risolti?

I problemi più grandi si verificano ogni volta che esce un nuovo titolo: è il momento più delicato, dove si possono presentare divisioni e possibili rotture. Noi gestiamo in maniera democratica, se vediamo che un certo numero di player si dedica ad un titolo nel nostro forum avviamo una votazione e insieme decidiamo se supportarlo o no.

Quali sono i tuoi progetti futuri? Credi che la realtà del clan sia destinata a scomparire, restare com’è o ad evolversi nel corso del tempo?

Al momento non ho progetti, da poco ho lasciato la carica di Clan Leader per dare spazio ai giovani, ma devo essere sincero: noto una grossa differenza generazionale, prima la struttura “Clan” era molto più sentita e rispettata, oggi invece è molto difficile poter tenere il timone in una direzione e difficilmente si ha la completa fiducia dei compagni. Ne consegue che il gruppo ne risente, c’è molto più individualismo e meno senso di appartenenza.

E con questo è tutto, riprenderemo al prossimo appuntamento con Morik, un altro player che fa parte di Armatasquad. A presto!

Nicola “Hozon” Caputo

Add comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *