Borderlands 3 e concorrenza Epic Games: davvero un bene per i giocatori?

Sticky POSTED BY Nicola 7 Maggio 2019 in Recensione
Post thumbnail

Con l’annuncio di Borderlands 3, nuovo titolo della saga principale sviluppato da Gearbox, molti giocatori si sono trovati di fronte ad uno scenario simile a quello presentatosi con Metro Exodus. Ciò che ha fatto infuriare la community è stata la decisione da parte del publisher (2K e Take Two) di affidare la distribuzione su PC ad Epic Games, sotto forma di esclusiva per una durata complessiva di 6 mesi. La data di rilascio del gioco è prevista per il 13 Settembre 2019 su PS4, XBOX One e PC, e questo vorrebbe dire vederlo arrivare su Steam almeno per Marzo 2020.

WhatsApp Image 2019-04-09 at 23.29.19

Parliamoci chiaro: la concorrenza nel mondo del marketing deve esserci, è il carburante che spinge questa o quella società ad attuare strategie competitive per accaparrarsi la fetta più grande di consumatori. Da anni Steam è praticamente incontrastata, per quanto esistano piattaforme come Origin, Uplay, GOG e via dicendo; e questo risuona anche nella “pigrizia” della Valve riguardo lo sviluppo di nuovi capitoli per brand già esistenti (Half Life, Left4Dead, Team Fortress). D’altro canto, i costi sostenuti dagli sviluppatori per fare approdare un titolo su uno Store sono importanti, ed Epic Games punta moltissimo su questo aspetto accaparrandosi soltanto il 12% dei guadagni, che paragonato al 30% di Steam è decisamente più appetibile.

WhatsApp Image 2019-04-09 at 23.29.26

Fin qui tutto bene, se non fosse che la politica competitiva di Epic non lascia alcuna scelta al consumatore, al contrario è un modo aggressivo di imporsi sul mercato: ricordiamo infatti il già menzionato Metro Exodus, che era previsto su Steam fino a sole due settimane prima del lancio, quando tutti i preordini sono stati rimborsati a fronte dell’annuncio che sarebbe uscito in esclusiva sullo store concorrente.  Tutto questo si va ad aggiungere ad un servizio per il giocatore decisamente più acerbo: primo fra tutti un inesistente supporto mod, l’assenza di salvataggi su un Cloud, e l’assenza di una sezione che contenga le recensioni degli utenti: tutte features già anticipate in una tabella di marcia pubblicata da Epic stessa, che però di fatto ancora non ci sono.

WhatsApp Image 2019-04-09 at 23.29.33

Dal punto di vista della community invece l’opinione è principalmente divisa in due fazioni: chi la reputa una polemica sterile, essendo disposto tranquillamente ad acquistare il titolo al lancio e giocatori infuriati che stanno protestando con il già visto “review bombing” sulla pagina dei precedenti capitoli della saga.
Io sarei tranquillamente a favore di una sana competizione, se questa fosse più onesta e si basasse su ciò che la compagnia offre e non quello che toglie: prezzi competitivi, features esclusive e magari lo sviluppo di titoli “homemade” (ricordiamoci che Epic fattura miliardi con Fortnite).
Restiamo aggiornati, in attesa di eventuali sviluppi!

Nicola “Hozon” Caputo

Add comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *